La dolcevita

Roma: un set cinematografico a cielo aperto

Piccolo tour tra le vie di Roma che hanno fatto da sfondo ed ispirazione ai più grandi registi Italiani, innalzando i loro piccoli capolavori nelle più alte sfere di quella meravigliosa poesia che è il cinema.
Per chi qui scrive non è stato difficile appassionarsi a film di altri tempi, quelli che per le precedenti generazioni erano storie di vita quotidiana, e che da quelle di oggi vengono apprezzati ancora di più, sia per le impeccabili realizzazioni che seppur economiche, erano incredibilmente ben fatte, sia per le emozioni che sono ancora oggi in grado di suscitare.

Roma: un set cinematografico a cielo aperto

Così ci fa piacere aver scoperto, un pò per curiosità un pò per lavoro, che Il quartiere Africano fu molte volte, e in diversi anni, scenario di molti film italiani; per esempio che una delle immagini più toccanti del cinema italiano, ovvero la visione di via Nomentana totalmente deserta nel piccolo capolavoro di De Sica “Teresa Venerdì” del 1941, ha come set proprio le strade del quartiere.

E ancora in quella straordinaria pellicola del 1955 intitolata “Il tetto”, De Sica scelse le baracche che allora si trovavano sull’Aniene per ambientare il dramma di una coppia che cerca disperatamente una casa. Pietro Germi ambienterà fra gli edifici del quartiere dei ferrovieri, demolito successivamente, il film L’uomo di paglia del 1958.

E come poter non citare il film “Guardi e Ladri” in cui la celebre scena dell’inseguimento di Aldo Fabrizi a Totò  inizia alla fine di viale Somalia, e si svolge su un dosso che diverrà la futura via Olimpica. Nel ’53 la casa del protagonista de “La valigia dei Sogni” di Luigi Comencini è collocata nel complesso dei palazzi dei ferrovieri di via Mancinelli.

Il quartiere ospita poi gli esterni del film con Alberto Sordi, Sophia Loren, Franca Valeri e Raf Vallone “Il segno di Venere”, che mostrano il quartiere negli anni sessanta.

Alcune scene de “I soliti ignoti” sono ambientate in zona: Carla Gravina si incontra con il fidanzato davanti alla caserma Bianchi (Batteria Nomentana) proprio sul ponte della Ferrovia, sullo sfondo si vedono i primi palazzi, quelli di Piperno, su V.le Etiopia, intorno è campagna. Nelle scene iniziali del film “Audace colpo dei soliti ignoti” del 1960, Vittorio Gassman entra in un portone di via Dora nel quartiere Coppedè, e nel corso del film passeggia lungo una viale Etiopia ancora in costruzione.

Una fugace inquadratura ne “Il medico della mutua” con Alberto Sordi, mostra viale Libia all’altezza dei magazzini UPIM. Sempre i magazzini UPIM nel ’60 sono il luogo di lavoro delle tre protagoniste di “Caccia al marito” con Sandra Mondaini e in “C’eravamo tanto amati” di Ettore Scola, piazza Caprera viene usata per scandire con meravigliosa semplicità un cambio del tempo.

Conclusione

Ho fatto questo elenco sintetico e neanche esaustivo solo per egoismo: spero che anche per voi, come per me, da oggi in poi sia davvero emozionante trovarsi a sbirciare tra le scene di questi meravigliosi film, cercando di individuare questa o quella via, questo o quel portone o edificio o ponte, e stupirsi del vorticoso cambiamento che questa straordinaria città ha subito intorno ad essi ed intorno a noi, apprezzandone l’antica poesia degli autori che l’anno scelti come set.

Si dice spesso che un quadro si apprezza meglio se ci si allontana, così forse oggi ci siamo allontanati quel tanto da poterne apprezzare al massimo ogni dettaglio.

Camera matrimoniale home staging

Home staging: cos’è

Anche qui in Italia si inizia a capire l’importanza di presentare al meglio un immobile ai fini della vendita attraverso l’home staging. Cos’è?

Home staging: cos’è

Già in uso fin dagli anni 80 in America, la tecnica dell’Home Staging (letteralmente mettere in scena la casa) si sta diffondendo anche se probabilmente non tutti ne comprendono l’utilità.

Mi torna sempre in mente un esempio letto tra le mille pubblicazioni web sull’argomento, in cui si faceva un paragone: se decidiamo di vendere la nostra auto usata è nostra cura certamente lavarla, ripulirla e farle delle belle foto da pubblicare con l’annuncio; spesso accade invece che intraprendendo la vendita di un appartamento non si faccia lo stesso; non è raro visitare appartamenti abbandonati al caos se non sporchi e maleodoranti che determinano inevitabilmente una pessima prima impressione.

E quando la prima impressione è negativa è molto difficile che si decida per l’acquisto.

Durante la mia esperienza di collaborazione con le agenzie immobiliare, mi trovo spesso a dover far fare grossi sforzi di fantasia al cliente per fargli superare la visione di appartamenti nei quali un mobilio inadatto e mal disposto, piuttosto che un colore estremamente personale ed eccentrico delle pareti influiscono in modo deleterio sulla percezione di uno spazio che adeguatamente sistemato renderebbe al meglio le sue potenzialità.

Eppure è più forte di me: chiamatela deformazione professionale, ma quando una casa ha del potenziale mi sembra un delitto non proporre al venditore di cercare il più possibile di farlo emergere.

L’home staging fa emergere il potenziale di un immobile

Una recente esperienza finalizzata a dimostrare il valore di un immobile che però si presentava trascurato, mi ha spinto ad eseguire un intervento di che sfiora la manutenzione ordinaria vera e propria, ma il risultato è stato radicale; tutto ciò che dava alla casa un aspetto di abbandono è stato sfruttato e reso vintage. Semplicemente ri-attualizzando l’arredo in parte già presente e ricollocandolo perché potesse far percepire la vera potenzialità degli spazi, la casa mostra ora al meglio le proprie qualità.

Gli stessi proprietari hanno apprezzato il risultato, che seppure non aumenta il valore commerciale dell’immobile ne rende certamente più facile il riconoscimento dopo l’intervento. La qualità degli spazi, la definizione dei volumi di una villa concepita negli anni settanta che per semplicità e linearità di stile sarà facilissima da ri-attualizzare per chi la acquisterà e che al mio occhio è stata immediatamente palese, è ora più facile da capire per chi visita l’immobile.

Lunghe tende oscuranti, pareti ingrigite, tappezzerie scure e polverose non aiutano certo chi sogna una casa moderna e confortevole ad immaginare che l’immobile che sta visitando possa diventarlo.

Attraverso un intervento di home staging aiutiamo il potenziale acquirente a concentrarsi sulle caratteristiche intrinseche e reali dell’immobile e verifichiamo con lui se si tratta della casa che sta effettivamente cercando; è scontato che una situazione di disordine o di inadeguata sistemazione di una casa porti l’attenzione su elementi negativi, che seppur transitori e modificabili non contribuiscono certo ad una considerazione positiva da parte del visitatore.

Quindi quando visito un immobile e ne riconosco le doti, mi sento quasi obbligata a tirarle fuori e a renderle di comune fruizione e difficili da negare.